Birrificio Pontino

Birrificio Pontino

Se Ogni Viaggio Ha Un Inizio…

… il nostro nasce dalla Pontina: anello di congiunzione tra la pianura e l’urbs per eccellenza. È tra i vicoli di Trastevere, lungo quella Via Benedetta alle spalle di piazza Trilussa, al bancone del “Ma che siete venuti a fa’” che degustiamo e ci appassioniamo. Una passione che rinfresca i nostri cuori, fino a diventare una forza pulsante che spingerà le nostre chiacchiere da pub ben oltre la nostra immaginazione: creare un birrificio, il nostro Birrificio.

All’inizio era un hobby dove ognuno cercava il suo posto. Matteo, Stefano, Davide, Gianni il nucleo di base. Poi, come nelle migliori rock band, c’è sempre qualcuno che lascia. A Gianni, che ringraziamo di cuore, subentra Egidio. La struttura è già in piedi, ma il sogno sembra più grande di noi tutti, dove tempo e umiltà sono gli ingredienti giusti per poterlo vivere.

Tra le difficoltà iniziali e il tentativo di trasformare luppolo, malto e lievito in quel nettare che noi tutti amiamo, ancora un viaggio, che parte sempre dalla Pontina per finire in ‘Un Mare di Birra’: una crociera in pieno Mediterraneo dove la spuma che sgorga dalle spillatrici si confonde con quella del Dio Nettuno. Proprio lì, in mezzo al mare, si materializza di fronte a noi un altro dio, cresciuto a Philadelphia e dai tratti scandinavi. Colui che diverrà il nostro fratello più amato. La guida attesa sin dall’inizio della nostra avventura.

Ladies and Gentlemen… il MAESTRO MIKE MURPHY.

Un incontro a tarda notte sul ponte di una nave il cui fluttuare è scandito da brindisi, risate e parole. A prevalere sull’alcol è uno spontaneo sentimento di amicizia.

Ad unirci la stessa Passione.

Un incontro che si rivelerà fondamentale per la nostra crescita. Nel frattempo, il piccolo birrificio prende corpo. A dargli vita l’impianto usato de ‘L’Olmaia’ di Moreno Ercolani. Affitto da pagare, tasse, un capannone da sistemare, la quotidianità familiare e i primi risultati di una birra a cui manca ancora qualcosa. Ne parliamo con Mike che, da buon amico e senza pensarci troppo, ci invita nel suo tempio: il birrificio Lervig Aktiebryggeri.

Ai brividi del freddo umido pontino, anche quelli di essere consapevoli di poter vivere un’esperienza unica che ogni aspirante birraio ci invidierebbe. Altro che stage o tirocinio.

Così, a gennaio, zaino in spalla, Davide e Matteo, dalla Pontina volano in direzione Norvegia: Stavanger. Ad accoglierci con un sorriso contagioso Mike e la sua famiglia: Ania, la piccola Nina, nata da pochi giorni, e il padrone di casa: Poopie. Nonostante il caos che una nuova nascita comporta troviamo spazio anche noi. Stanchi del viaggio, il giorno seguente siamo pronti ed eccitati. Le luci dell’alba e il primo giorno con la malacrew della Lervig. Per noi, abituati a piccole realtà come la nostra, fu come bere una lambic a colazione. Un sensazione di stordimento e la paura di non aver capito nulla. In cinque giorni illuminati solo dal neon e con i sensi ben programmati, assistiamo, tra le altre, alle cotte della mitologica Lucky Jack e della stupefacente Rye IPA. Non dobbiamo fare altro che guardare, ascoltare e capire!

Il tempo vola e quando ci ritroviamo sul volo di ritorno abbiamo tanti pensieri che ci passano per la testa. A malapena riusciamo ad esprimerci. Complici la fatica, la gioia di aver trovato nuovi amici e la tristezza di averli lasciati così presto.

Solo dopo, quando rimettiamo le mani sul nostro impianto, ci rendiamo conto dell’esperienza vissuta. A metà tra il misticismo e la magia. Un viaggio sciamanico che ci riporta alla mente quello intrapreso da Castaneda durante gli insegnamenti di Don Juan. Affrontiamo quelle nuove cotte con automatismi e una sicurezza che non avevamo prima, come se il sogno si fosse trasferito nei nostri pensieri e nelle nostre azioni. Senza dubbio grazie anche agli insegnamenti del nostro sciamano. Il regalo più grande che ci potesse fare e di cui gli saremo sempre riconoscenti.

Il nostro birrificio, il Birrificio Pontino è una realtà. Vivo. Tra mille idee, ambizioni, progetti e scelte da fare. Tutto sostenuto da un grande lavoro di squadra e gli spunti, puntuali come una Runner Ale nelle calde ore d’estate, che ci arrivavano da amici e collaboratori. Da quel momento, a farci compagnia nei nostri ripetuti viaggi sulla Pontina anche la nostra birra!

Grazie a tutti gli amati vagabondi che abbiamo incontrato e che incontreremo durante il nostro viaggio!

L' Agenzia

Sviluppo Horeca


Sviluppo Horeca

Il Distributore

RHS


RHS

Il Partner

Birrificio Pontino


Birrificio Pontino